BASE PIZZA EVOLUTION GLUTEN FREE
BASE PIZZA EVOLUTION GLUTEN FREE

BASE PIZZA EVOLUTION GLUTEN FREE

13,20 €
IVA inclusa

Quante volte hai desiderato mangiare una bella Pizza ma hai dovuto fare i conti con la bilancia del giorno dopo o con una nottata passata a bere? "Tanto domani a pranzo mangio solo un'insalatina", è la frase che ti sarai detto per autoconvincerti di accettare quell'invito in pizzeria.

Con la Base Pizza Evolution GLUTEN FREE non dovrai più fare questi pensieri! Facilissima e veloce da preparare comodamente a casa, questa base Pizza è perfetta dal punto di vista nutrizionale, contiene la giusta quantità di sale ed è ricca di fibre.

E' l'ideale per tutti coloro che seguono un'alimentazione senza glutine, che non hanno tempo di preparare e seguire le varie fasi di preparazione dell'impasto ma che amano godersi una bella Pizza artigianale, come se fosse appena stata impastata.

Ma è solo Buono o fa anche Bene?

La base Pizza Evolution GLUTEN FREE è realizzata con materie prime naturali e con un mix di farine per prodotti senza glutine di altissima qualità. E' a ridotto contenuto di grassi e ad alto contenuto di fibra, anche grazie alla presenza dell'Inulina Excellence, la fibra prebiotica estratta naturalmente dalla radice di cicoria, che permette di abbassare l'indice glicemico.

Condiscila con gli ingredienti che più ami, ma attenzione ad utilizzare solo ingredienti di alta qualità, e nelle giuste quantità, senza appesantire la base con condimenti troppo grassi, salati e poco salutari. Fai, inoltre, attenzione alla fase di cottura per evitare la formazione di sostanze cancerogene (scopri di più nella Storia della Ricetta in basso alla pagina)

  • Base Pizza Evolution Gluten free da 200 g.

BASE PER PIZZA Ingredienti: Acqua, preparato mix farine per prodotti senza glutine (amido di FRUMENTO deglutinato, destrosio, amido di mais, farina di grano saraceno, amido di riso, fibra di semi di psyllium, guar, aroma), fibra alimentare: inulina Excellence, sale iodato, lievito di birra secco, curcuma, pepe nero. Prodotto trasformato in un laboratorio che utilizza soia, frutta secca in guscio, arachidi, sesamo, latte, uova, pesce, crostacei, sedano, senape. Prodotto confezionato in atmosfera protettiva.



Peso: 200 g

A BASSO CONTENUTO DI GRASSI

A BASSO CONTENUTO DI GRASSI SATURI

RICCA DI FIBRE

Prodotto e confezionato da Antiaging Italian Food Srl via Testoni,10 40123 Bologna (BO).

Si consiglia di seguire una dieta varia ed equilibrata e uno stile di vita sano.

Il Tuo Benessere al Primo Posto! Sempre.

BASE PER PIZZA Ingredienti: Acqua, preparato mix farine per prodotti senza glutine (amido di FRUMENTO deglutinato, destrosio, amido di mais, farina di grano saraceno, amido di riso, fibra di semi di psyllium, guar, aroma), fibra alimentare: inulina Excellence, sale iodato, lievito di birra secco, curcuma, pepe nero. Prodotto trasformato in un laboratorio che utilizza soia, frutta secca in guscio, arachidi, sesamo, latte, uova, pesce, crostacei, sedano, senape. Prodotto confezionato in atmosfera protettiva.



Peso: 200 g

A BASSO CONTENUTO DI GRASSI

A BASSO CONTENUTO DI GRASSI SATURI

RICCA DI FIBRE

Prodotto e confezionato da Antiaging Italian Food Srl via Testoni,10 40123 Bologna (BO).

Si consiglia di seguire una dieta varia ed equilibrata e uno stile di vita sano.

Il Tuo Benessere al Primo Posto! Sempre.


peso per porzione
200 gr
Tempo di cottura
5 min
kcal per porzione
444 kcal

Dalla tradizione alla ricetta dell'evoluzione

Secondo la leggenda, la Pizza è stata inventata nel giugno 1889 dal cuoco napoletano Raffaele Esposito, della Pizzeria Brandi, che creò la pizza margherita con pomodoro, mozzarella e basilico per onorare la Regina Margherita di Savoia e l'Italia. Infatti, gli ingredienti principali con cui venne realizzata, il basilico, la mozzarella e il pomodoro, richiamavano i colori della bandiera italiana, creata il 7 gennaio 1797 a Reggio Emilia. Inoltre, in quel momento storico, il termine "pizza" era associato ad una torta dolce, condita con frutta secca, uova, zucchero, spezie e altri ingredienti tritati e amalgamati.

Ben presto, la pizza "salata", così come quella creata da Raffaele Esposito, divenne il simbolo culinario italiano per eccellenza, diventando famosa in tutto il mondo e creata in centinaia di varianti, adattandosi anche alle culture e alle materie prime di ogni paese del mondo.

Con il Metodo Scientifico Cucina Evolution della Dott.ssa Chiara Manzi, la Pizza abbraccia l'evoluzione e si teletrasporta in un futuro ricco di Benessere e di felicità, dove qualsiasi pietanza gustosa e generalmente ricca di calorie, si trasforma, invece, in un piatto dal perfetto equilibrio nutrizionale, da consumare anche più volte a settimana.

Ma quali sono i segreti della riformulazione Evolution di queste basi Pizza?

I tre principali problemi della Pizza sono:

1. L'alto indice glicemico. Nell’immaginario collettivo più la pizza è lievitata, magari con lievito madre, più è digeribile e fa bene alla salute. Non è così! Una lunga lievitazione aumenta il suo indice glicemico. In pratica è come mangiare zucchero a cucchiaiate.

2. Attenzione alla qualità trascurando la quantità. Focalizzarsi solo sulla qualità degli ingredienti non è sufficiente per garantirci il benessere. Farine macinate a pietra o biologiche, possono dar luogo a impasti ad alto indice glicemico. Inoltre, vanno dosati molto bene grassi e sale altrimenti rischiamo di mangiare una pizza ipercalorica, che alza la pressione e ci fa ingrassare.

3. Formazione di sostanze cancerogene. Che sia cotta al forno a legna o elettrico, l’alta temperatura può portare alla formazione dell’acrilammide. L’acrilammide è una delle sostanze potenzialmente più cancerogene che ritroviamo nella classica crosticina marroncina della pizza.

Mentre, la base Pizza Evolution GLUTEN FREE è stata realizzata seguendo con rigore il Metodo Scientifico Cucina Evolution e, in particolare, contiene ingredienti di altissima qualità e ricchi di più fibra per ridurre l’indice glicemico. Infatti aggiungendo, nelle giuste dosi, fibra negli impasti, riusciamo a rallentare, e in parte impedire, l’assorbimento di glucosio e quindi abbassare il famoso picco glicemico. Fai attenzione ai tempi e temperatura di cottura. Per evitare la formazione di acrilammide (potente cancerogeno), cuocere la pizza a 200°C in forno per 6-7 minuti facendo attenzione che resti dorata e non diventi marroncina.

Potrebbe anche piacerti